vetrinaperaziende-mandorle-caramellate-lucide

Mandorle caramellate lucide, tanto dolci quanto croccanti

Storia delle mandorle caramellate lucide pugliesi

Le mandorle caramellate pugliesi: gioia e festa

Le mandorle caramellate lucide riportano subito ad un’atmosfera di gioia, gioco e festa. Un tempo si trovavano facilmente nelle sagre di paese o nei luna park, si presentavano subito invitanti nell’aspetto e irresistibili nel profumo, da sempre regine delle feste accanto a frutta secca, zucchero filato e caramelle. Questa golosità, tuttavia, è tipica anche dei giorni di festa come Natale o l’Epifania, venivano regalate a grandi e piccini o inserite nelle famose calze della Befana, rigorosamente in bustine di plastica con nastri rossi o in vasetti fantasiosi.

vetrinaperaziende-mandorle-caramellate-lucide

Le mandorle “addormentasuocera”

Le mandorle caramellate lucide sono da sempre presenti nelle dispense pugliesi, oltre che gustose, si narra che in passato fossero anche molto utili. Le mandorle caramellate, infatti, venivano denominate anche “addormentasuocera”. Leggenda vuole che i giovani, quando andavano a casa delle amate, portavano con loro le famose mandorle caramellate e le consegnavano alle suocere. Le suocere assaporavano le mandorle tanto lentamente, per far sciogliere lo zucchero ed evitare di rovinare i denti, che finivano per addormentarsi, evitando, così, di infastidire i giovani innamorati che potevano finalmente dialogare liberamente e dolcemente.
Ma le mandorle caramellate lucide, senza andare troppo indietro nel tempo, divengono fondamentali anche nei nostri giorni frenetici. Sono, infatti, ottime da portare in borsetta sempre a portata di mano come riserva di energia. Possono essere mangiate in macchina, a lavoro, per strada, al cinema, a casa. Davvero sempre e ovunque.

Typicus-prodotti-tipici-di-qualità

Gli ingredienti delle mandorle caramellate pugliesi

Dette anche mandorle pralinate, Le mandorle caramellate lucide pugliesi sono, quindi, indispensabili ed essenziali visto che sono composte da pochi ingredienti: mandorle, ovviamente, zucchero ed acqua…attenzione però! Una tira l’altra ed é davvero difficile smettere di mangiarle, essendo buonissime!! Questa ricetta già ottima e completa può essere arricchita ulteriormente da altre piccole chicche: le mandorle possono anche essere aromatizzate con limone o cannella, anche con qualche goccia di alchérmes che dona alle mandorle un raffinato colore rosa o se le preferiamo ancora più golose con cacao o il cioccolato. In Puglia, per essere precisi, esiste una variante molto conosciuta a base di mandorle tostate e cioccolato fuso. Occorre mescolare tutto insieme e realizzare dei piccoli mucchietti da far raffreddare all’interno di pirottini di carta, ideali da servire per accompagnare il caffé.

Le mandorle pugliesi

In questa ricetta, le mandorle sono tutto. In Puglia, vengono raccolte tra agosto e settembre e vengono molto utilizzate soprattutto in cucina: biscotti, confetti, marzapane, pasticcini e tra le bevande più diffuse il latte di mandorla. Le mandorle nelle calde estasi pugliesi sono irrinunciabili, grande contenitore di vitamine fondamentali, quali le vitamine del gruppo B1 e B2, magnesio, ferro e calcio.
Le mandorle sono per lo più dolci ma abbiamo anche una variante amarognola che, se utilizzata in dosi contenute, può essere usata per la preparazione degli amaretti a cui danno un sapore unico, liquori o particolari dolci.
Dal frutto del mandorlo si estrae, tramite spremitura a freddo, anche un olio inodore utile per pelli secche e sensibili che può essere anche utilizzato per massaggi.
Che dire, le mandorle, sono uno degli elementi costitutive della Puglia. Le mandorle sono Puglia, i fiori del mandorlo in fiore, la loro delicatezza il loro colore con un cielo azzurro da sfondo sono Puglia.
I dolci con le mandorle lucide, sono infinitamente e splendidamente Puglia.